L’inverno è la stagione dei malanni e dell’umore più basso: la riduzione della luce e i sintomi stagionali ci indeboliscono. Gli oli essenziali, amici che ci accompagnano in qualsiasi momento dell’anno, durante l’inverno diventano dei veri e propri alleati con cui rinforzare il nostro organismo.

La natura insomma ci regala una vera e propria farmacia aromatica.

Grazie all’alta concentrazione di principi attivi hanno proprietà straordinarie in grado di trasformare le nostre emozioni e pensieri. L’olio essenziale è infatti una miscela di sostanze aromatiche ricche di componenti come terpeni, alcoli, fenoli, alcheidi e chetoni. A seconda delle loro composizioni sviluppano proprietà antinfiammatorie, antimicotiche, espettoranti, immunostimolanti, antivirali e antidepressive (alcuni oli sono magici perchè le soddisfano tutte!).

A differenza degli antibiotici che inibiscono gli effetti di uno o più target di batteri, gli oli essenziali agiscono ad ampio spettro e in sinergia fra loro. La loro attività antibatterica venne studiata a partire dalla fine dell’Ottocento e la loro efficacia, oggi, è indubbia.

Non sto affermando che gli oli essenziali sostituiscano gli antibiotici, ma sono utili nella prevenzione e per rafforzare le difese immunitarie.

Gli oli più indicati per l’inverno sono alberi, erbe, agrumi e spezie.

Alberi ed erbe aromatiche

Dall’aroma fresco, balsamico e pungente, hanno grandi proprietà antivirali, antibatteriche ed espettoranti, allontanano la stanchezza e sono come un soffio di aria fresca che ci aiuta a respirare sia con il naso che con l’animo!

I più usati sono Eucalipto Radiata, Ravensara, Ravitsara, Tea Tree, Pino Silvestre, Abete bianco e rosso, Origano, Timo, Alloro, Mirto, Menta.

Spezie

Hanno un profumo aromatico e caldo. Hanno proprietà immunostimolanti, antibatteriche, antiparassitarie. Scaldano il cuore e rassicurano. Regalano dinamismo, coraggio, creatività, stimolano nuove idee.

I più usati sono: Incenso, Cannella, Chiodi di garofano, Cardamomo, Zenzero. Attenzione alla Cannella e ai Chiodi di garofano perchè sono irritanti sulla pelle! Vanno sempre diluiti e usati in piccole quantità.

Agrumi

Hanno un aroma fresco e dolce. Agiscono sul sistema nervoso, hanno proprietà circolatorie e dermiche. Gli agrumi portano il sole nelle nostre case! Donano dinamismo, vitalità, buon umore e ci rimandano alla nostra infanzia.

I più usati sono: Arancio dolce, Pompelmo, Bergamotto, Mandarino.

Ma come si usano gli oli essenziali?

Principalmente per via aromatica diffondendoli nell’ambiente. Utilizzate un diffusore, perché le cosidette “candeline” con il calore ne distruggono le proprietà terapeutiche. Qualche goccia di olio può essere distillata su un fazzoletto di carta da tenere con sé ed utilizzare al bisogno, oppure versata nella vasca da bagno, diluita per creare spray profumati o per fare i suffumigi.

Un altro modo per utilizzare gli oli è la via topica. Diluiti in un olio vettore (mandorla, jojoba, rosa mosqueta) possono essere utilizzati per massaggi e frizioni. Solo l’olio essenziale di lavanda e tea tree possono essere usati puri (non diluiti).

Ecco alcuni rimedi “essenziali” per i malanni di stagione:

Per il raffreddore potete usare 4/5 gocce di eucalipto, ravensara, alloro, menta, tea tree, cardamomo per i suffumigi.

Contro la tosse sono indicati eucalipto, ravitsara, cipresso. Diluitene 4/5 gocce in un cucchiaio di olio di mandorla e massaggiate gola e petto.

Utili in caso di bronchite sono eucalipto, timo, pino, abete, incenso. Anche in questo caso 4/5 gocce di ognuno diluite in un cucchiaio di olio di mandorle da massaggiare sul petto.

Per “aumentare” il buon umore sono perfetti tutti gli agrumi, cannella e chiodi di garofano che potrete mettere in un diffusore nel rapporto di 4 gocce di un agrume e 2 di una spezia.

Ricordate bene: gli oli essenziali non vanno utilizzati sui bambini sotto i 6 anni di età, nè su donne in gravidanza. In caso di dubbio meglio rivolgersi a un aromaterapeuta o naturopata.